©2018 by ASEM Mozambique

Breve storia delle attività ASEM

 

L'ASEM è stata fondata nel 1991 con la missione di aiutare i bambini del Mozambico, un paese devastato da 30 anni di guerra (terminato nel mese di ottobre del 92), seguito dal più serio progetto dell'Australia australe (anni 92/93/94) e altre inondazioni che (99/2000/2001) hanno causato più danni e vittime dell'ultima guerra.

 

L'ASEM è nata per aiutarli nelle loro necessità primarie, ma soprattutto per ricostruire la loro identità e promuovere la loro riabilitazione psicologica, morale, educativa e formativa, nonché il loro reinserimento come membri attivi e partecipi della società. Inizialmente nel 1991, per affrontare rapidamente l'emergenza e il ritardo burocratico per la realizzazione del primo Centro, l'ASEM iniziò con un "programma di minestra". Questa è stata la salvezza di oltre 300 bambini vittime della guerra, che hanno ricevuto acqua potabile, acqua da lavare e un pasto ogni giorno. Nella zuppa si poteva mettere tutto ciò che era disponibile (molto o poco), quindi era il pasto più adattabile per ottenere anche il poco di cibo che la comunità poteva donare, anche quelle famiglie che erano, loro stesse, cattive condizioni .... una manciata di riso o metà di un pomodoro ha fatto molta strada.

Il programma è durato fino a sei mesi dopo la fine della guerra. I bambini abbandonati e orfani avevano un grande bisogno di riprendere una vita "normale", vivendo in un luogo sicuro e stabile, tornando a scuola, cercando di superare i traumi della guerra e riconquistare un senso di dignità, fiducia e autostima.

Pertanto, ASEM creato sviluppato dal 1991 al 2006:

Il Centro di Macurungo (1993), nel primo appezzamento di terreno ricevuto dal governo del Mozambico, situato nella città di Beira: prima in tende, poi in edifici realizzati con materiali locali e, dopo la distruzione del ciclone nel 2000, in muratura . Comprendeva 3 dormitori, un refettorio, un magazzino, una cucina, un dispensario, una scuola, un centro di formazione professionale e un ufficio. Questo Centro ha ospitato fino a 170 bambini, inizialmente solo ragazzi di tutte le età, a causa della mancanza di condizioni per separarli dalle ragazze. Nel 1996 nasce la ASEM Manga School, seguita nel 1998 dal Manga Center a causa del crescente numero di bambini di strada e della necessità di ospitare ragazze, a 11 km dalla città di Beira, per ragazzi dai 2 ai 13 anni e ragazze di tutte le età. E 'stato costruito in muratura e comprende 5 dormitori, un refettorio, un magazzino, una cucina, un dispensario, un panificio per la formazione professionale e parziale autosostenibilità del Centro, due uffici, una scuola e un laboratorio di segheria.

 

All'interno dei due Centri, sono state costruite due scuole, ufficialmente riconosciute dal Ministero della Pubblica Istruzione, che offrono istruzione primaria (EP1-EP2) a circa 1800 bambini (ogni anno), sostenendo anche i salari degli insegnanti (dal 2007 lo Stato paga i loro stipendi). I bambini provenivano dalle famiglie più povere della comunità circostante e ASEM garantiva loro il materiale scolastico (penne, matite, quaderni, ecc.) E un pasto al giorno.

 

I Centri hanno ospitato più di 360 bambini alla volta.

Le attività svolte erano mirate a garantire ai bambini alloggio, pasti regolari, abbigliamento, igiene personale, salute e supporto psicologico da parte degli educatori. Tutti i bambini sono stati incoraggiati a seguire almeno un'attività come terapia occupazionale post-scolastica, ma anche come formazione per esperienza e supporto psicologico.

Questo processo si è concluso con la reintegrazione dei bambini nelle loro famiglie di origine o di famiglie sostitutive all'interno della loro comunità. I giovani adulti lasciano i Centri avendo raggiunto un certo numero di esperienze educative, così come abilità formative e ricreative.

 

Artigianato: scultura, design, batik (disegno su materiale), ricamo, lavorazione di vimini (cesteria), ecc.

 

Attività artistiche: teatro, danza, acrobatica, giocoleria, musica, scrittura (poesie, storie), ecc. Hanno fatto tournée in musica, danza e teatro in Europa e hanno ricevuto riconoscimenti e premi nel campo della letteratura internazionale.

Attività sportive: basket, calcio, atletica. ASEM ha portato a casa numerosi premi in atletica e basket nei campionati nazionali.

 

Formazione professionale: agricoltura, falegnameria, produzione di scarpe, segatura, elettricità, ingegneria, amministrazione, gestione aziendale, arte e design, tecnologia informatica e altro. Alcuni di questi programmi sono stati realizzati per corrispondenza o in scuole di formazione al di fuori dei centri ASEM.

 

Scuola: tutti i bambini dei centri ASEM frequentano la scuola (nelle scuole ASEM o nelle scuole esterne) non appena diventano maggiorenni; per i giovani adulti che mostrano interesse e applicazione negli studi, ASEM cerca sponsor per offrire loro una borsa di studio per programmi universitari o di formazione professionale.

 

Il Consigliere comunale di Beira ha offerto un appezzamento di terreno agricolo, a Inhamizua nel 2004, per lo sviluppo di attività agricole, formazione professionale e autosufficienza alimentare parziale dei Centri.

 

Alla fine del 2007, la costruzione del Centro Gorongosa era terminata. Ha l'obiettivo specifico di sostenere i bambini infetti e affetti da HIV / AIDS.

 

Sin dal suo inizio, l'ASEM ha aiutato oltre 172.000 bambini nei suoi Centri, Scuole, attraverso l'educazione, il supporto psicologico e l'assistenza sanitaria, il ricovero, la formazione professionale e / o il sostegno occasionale.

Centinaia di bambini sono stati aiutati a ricongiungersi alle loro famiglie e a essere reintegrati nella loro comunità.

 

ASEM ha nominato e formato il suo staff in Mozambico (125 lavoratori - fino al 2007), con la sola eccezione di Barbara Hofmann (fondatrice): alcuni ex ragazzi ospitati nei Centri sono stati formati e cresciuti con il desiderio di diventare parte attiva dell'organizzazione , per dare le stesse opportunità che hanno ricevuto ad altri bambini bisognosi.

 

Dal 2007 in poi:

Centro Macurungo: tutti i bambini sono stati reintegrati nelle loro famiglie dirette o allargate; L'80% dei giovani adulti è stato iscritto a scuole di formazione professionale o aiutato a trovare un lavoro e un alloggio (capanna) nella propria comunità. I bambini più piccoli (20%) sono stati reintegrati nelle loro famiglie dirette o allargate, con il sostegno scolastico e la promessa dell'ASEM di trovare uno sponsor per la formazione professionale futura.

 

Centro manga: restano 20 bambini (a partire dal 2008) al Centro, la maggior parte dei quali sono orfani o bambini provenienti da situazioni estreme, per i quali ASEM sta lavorando in collaborazione con altre organizzazioni private e governative per trovare alloggio all'interno della comunità. Gli altri ragazzi, grazie alla continuazione del sostegno dell'ASEM, sono stati reintegrati nelle loro famiglie dirette o allargate.

 

 

ASEM oggi

Il passato del Mozambico ha causato squilibri sociali e povertà in cui il Paese vive ancora oggi, e nella distruzione la sua struttura sociale.

 

Il Mozambico è uno dei 31 paesi più poveri del mondo (UNDP 2006) e ha un tasso di mortalità nelle donne di circa 38 anni e negli uomini di circa 40-42 anni. Ciò significa che oltre il 50% della popolazione del paese è stimato essere bambini da 0 a 14 anni e la fascia di persone di età compresa tra 15 e 25 anni, sono i più vulnerabili all'HIV / AIDS e sono seriamente compromessi. Il pericolo è che, in breve tempo, la società del Mozambico costituirà per lo più bambini e meno dalle generazioni più anziane.

 

Seguendo l'analisi di questa drammatica verità, la ricostruzione del social web per lo sviluppo della comunità e del paese stesso diventa essenziale. La tendenza della politica sociale del governo (2006) (anch'essa sempre un obiettivo principale dell'ASEM) è quella di lavorare per sostenere i bambini e i giovani adulti all'interno della propria famiglia o comunità, piuttosto che nei Centri.

Il Paese è costituito da una moltitudine di culture, antiche e tribali. La cultura della città sta cambiando e la cultura rurale rimane piuttosto tradizionale. L'importanza della riunificazione tra vecchi e giovani è essenziale per la sopravvivenza dei valori tradizionali e culturali, il passato (la storia) della famiglia, la storia del paese stesso (c'è poca documentazione scritta) e per ricostruire il distrutto sociale web.

 

In varie comunità, in particolare nelle zone rurali, i bambini che rimangono orfani sono, naturalmente, aiutati e assistiti da altre famiglie: ma poiché vivono anche alle soglie della povertà, a lungo termine, hanno grandi difficoltà a sostenere i bambini in generale il fenomeno sopra descritto è in aumento.

 

Per famiglia diretta, comprendiamo i genitori (padre / madre, fratelli) e la famiglia estesa, i parenti (nonni, zii, cugini, ecc.).

 

A causa della povertà, un numero significativo di bambini finisce fuori dalla loro famiglia, in viaggio o integrato nei Centri. A volte decidono i bambini stessi, per non pesare sulla famiglia, per amore della madre, per uscire di casa. D'altra parte, succede che la madre stessa rimuove il bambino, convinto che lui / lei è più probabile che sopravviva nelle strade che a casa.

ASEM dal 2008 in poi è impegnata nelle seguenti aree:

 

LAVORARE ALL'INTERNO DELLA COMUNITÀ: riconciliazione, post reintegrazione, monitoraggio e supporto psicosociale, tutela dei diritti dei bambini, studi e analisi, programmi di microcredito, sostegno del materiale (cibo, ecc.), Istruzione, formazione professionale, sostegno di alloggi (ristrutturazione o costruzione di piccole case).

 

SCUOLA: gestione delle scuole ASEM e supporto scolastico dei bambini (in altre scuole e all'interno della comunità).

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE: partecipazione allo sviluppo della comunità attraverso la formazione professionale per giovani adulti e iniziative per il reinserimento dei giovani adulti.

 

CREAZIONE DI ATTIVITÀ MICRO-ECONOMICHE: per l'auto-sostenibilità dell'ASEM e per i beneficiari.

 

ATTIVITÀ SPORT CULTURALI: come parte della riabilitazione psicologica; e al fine di mantenere i legami tra i bambini / giovani e la loro cultura.